Just another WordPress.com site

Archivio per aprile, 2007

la catechesi

DSCN0500

Un fuoco acceso nella notte – campo scout

DSCN0766

Campo di formazione metodologica – Torre di Luciana

DSCN3782

Vita

quasi che
non bastasse da sè
mentre si va e si ritorna
la mano che ti strinse
ora di lontano ti saluta
tra i soli e i fiori da poco nati
cresce e si consuma
quella che sola abbiamo

la vita

l’amiamo entusiastici e stanchi
innamorati a volte
impazienti prima d’ogni abbandono
dimentichi ad ogni incontro
stupiti e malinconici
ad ogni battaglia
ancora non già arresi

Una croce …

Una Croce…

Il legno della Croce,
quel "legno del fallimento",
è divenuto il parametro vero
di ogni vittoria.
Gesù ha operato più salvezza
con le mani inchiodate sulla Croce,
che con le mani stese sui malati.
Donaci, Signore,
di non sentirci costretti
nell’aiutarTi a portare la Croce,
di aiutarci a vedere
anche nelle nostre croci
e nella stessa Croce
un mezzo per ricambiare
il Tuo Amore,
aiutaci a capire
che la nostra storia crocifissa
è già impregnata di resurrezione.
Se ci sentiamo sfiniti, Signore,
è perché, purtroppo,
molti passi li abbiamo consumati
sui viottoli nostri e non sui Tuoi,
ma proprio i nostri fallimenti
possono essere la salvezza
della nostra vita.
La Pasqua è la festa
degli ex delusi della vita,
nei cui cuori all’improvviso
dilaga la speranza.
Cambiare è possibile,
per tutti e sempre!

(Tonino Bello)

Non saremo confusi in eterno

Dalla parte finale dell’inno "Te Deum"
stupendo quel "non saremo confusi in eterno":

"Salva il tuo popolo, Signore, *
guida e proteggi i tuoi figli.
Ogni giorno ti benediciamo, *
lodiamo il tuo nome per sempre.

Degnati oggi, Signore, *
di custodirci senza peccato.
Sia sempre con noi la tua misericordia: *
in te abbiamo sperato.

Pietà di noi, Signore, *
pietà di noi.
Tu sei la nostra speranza, *
non saremo confusi in eterno."

in the church

07042007(003)

L'altare della reposizione con le tradizionali "veccie"

06042007107

un dono alla mia chiesa

Donato dal laboratorio di Ceramiche Artistiche Ceccarelli come segno di un pensiero ed un sentimento che si esprime in forma di arte:

09042007108

tutto il bene … tutto il male

È arrivata la bufera … dentro quella realtà in cui vivo il mio servizio  la mia diocesi, tutto il male … mi avvilisce e mi addolora, non che sia venuto fuori , ma che ci sia che ci trovi incerti ed impreparati, quanto il potere sia un veleno, veleno potente da corrompere quello che è nato da una fonte pura e buona, quella di Gesù. Di Lui mi fido senza riserve e lui mi affascina e innamora ogni iorno di più. Ma quando lo si strumentalizza e lo si dimentica nei fatti e nelle azioni, mi confondo e comprendo il perchè di tanta diffidenza e contrarietà. Non è il primo e non sarà l’ultimo scandalo (purtroppo) ne avevo parlato nel post "Miseria e nobiltà" Confermo tutto quello che dissi, Confermo che amo nonostante tutto la mia chiesa, senza ignorarne le macchie e le oscurità, sapendo che di esse partecipo anche io. Come spero di partecipare di quel tesoro di luce, speranza ed amore che le proviene da Gesù.

Alle

Cloud dei tag