Just another WordPress.com site

"No, non siamo in grado. Né tu, né io, né nessuno che abbia un po’ di sano realismo lo può (veramente) fare. Non siamo capaci di annunciare il Regno con sufficiente trasparenza, con coerenza minima, con passione necessaria.
Questa storia dell’affidare alla Chiesa, a questa Chiesa, le redini del Regno è stato uno scherzo, o un inganno o una follia. Siamo seri.
Lui non c’è, lo sappiamo, lo vediamo mille volte, lo sperimentiamo.
Eppure ci dev’essere una soluzione.
 
Riunioni
È quello che si sono detti per ore i Dodici radunati nel sepolcro.
Cavolo, Gesù se n’è andato davvero e loro devono capire cosa fare.
Annunciare il Regno, occhei. Dove, come a partire da quando, dicendo cosa?
Fuori tira ancora una brutta aria per i discepoli del Nazareno, per quale masochistica ragione dovrebbero uscire e farsi nuovamente arrestare?
Pietro e gli altri lo sanno bene, lo hanno vissuto sulla propria pelle: non sono all’altezza del compito. Diamine: solo un mese prima erano tutti fuggiti a rotta di collo! Come aspettarsi, ora, una reazione diversa, un comportamento all’altezza della situazione?
Pensano e discutono, i Dodici. Un po’ si fanno coraggio, un po’ non alzano lo sguardo. No, non ce la possono fare, non da soli, non adesso.
Si sta alzando il vento. Strano, non succede quasi mai in primavera, a Gerusalemme.
 
Uragano
Non è un vento: è l’uragano. Un uragano che li strappa alle loro certezze, che li devasta, che li scompiglia e li scapiglia, che li converte, infine. Il fuoco scende nel cuore e li consuma.
No, certo, non ce la possono fare. D’accordo.
Sarà lo Spirito ad agire. È arrivato, il dono (annunciato) del Risorto. È più folle e più anarchico di come neppure osassero immaginare. Il cuore ora è gonfio, escono per strada, fermano i pellegrini di passaggio a Gerusalemme per la Pentecoste. Parlano del Maestro, lo professano Messia e Signore e presente.
È arrivato lo Spirito.
 
Finalmente
Il Consolatore, per sradicare ogni solitudine, per fare della Chiesa la compagnia di Dio agli uomini.
Il Vivificatore, per togliere l’asfalto e ogni altra crosta che ostinatamente ricopre il volto di Dio e la Parola.
Il Paracleto, per difenderci dalla paura e dalla parte oscura che è in noi e che ci turba impedendoci di essere veramente discepoli.
Egli ricostruisce i linguaggi, ci dona la grazia di capirci, di intenderci, di comunicare. Supera l’arroganza dell’uomo che costruisce torri per manifestare la propria forza e usa il linguaggio del potere che non fa capire, che confonde, che allontana. Pentecoste è l’Antibabele, l’altro modo di capirsi, accomunati dalla stessa ricerca interiore.
Eccolo il fuoco, eccola la nube che tiene lontani gli egiziani e illumina il cammino del popolo che fugge verso la libertà del cuore.
Ecco lo Spirito.
 
Prudenza
Tenetelo nel cassetto lo Spirito, per favore.
È pericoloso, devastante, inquietante.
Quando la Chiesa si siede o si arrocca fa nascere i santi che la ribaltano.
Quando pensate che la vostra vita sia finita, annientata, vi spalanca lo sguardo del cuore.
Quando le nostre parrocchie languono, si clericalizzano, si svuotano, si abituano, si stancano, si illudono egli scuote dalle fondamenta, fa crollare i palazzi della retorica e ci spinge a uscire nelle strade del nostro quartiere a dire Dio.
Gli Atti degli apostoli sono una divertente comica in cui lo Spirito combina pasticci e gli apostoli corrono (invano) cercando di capire cosa fare veramente.
È lo Spirito che guida la Chiesa, anche se cerchiamo continuamente di correggere la rotta.
È lui, se vuoi, fratello, sorella, che può orientare la vita verso i cammini della santità.
È lui che soffia, nonostante tutto".

Commenti su: "Una bella riflessione sulla Pentecoste di Don Paolo Curtaz" (9)

  1. Ma sei un prete sul serio? Se fai un giro sul mio blog impallidisci!

  2. Ti posso fare una intervista sul mio blog?

  3. Ehi… Ti va? Niente di bellico…

  4. ok sono a disposizione!
    alle

  5. Ok!
    Allora la preparo e te la mando!

  6. Ti ho mandato un messaggio privato.
    Ciao!

  7. …..E lo Spirito soffia….
    mi sento come una piccola foglia trascinata dal Suo vento…puo’ soffiare in qualsiasi direzione…..è bello lasciarsi trasportare senza una meta ma con la totale fiducia di Lui che sà dove mi stà portando!
    Ciao,
    benny!

  8. anonimo ha detto:

    Quando ci parlavi del Vangelo di Marco eri molto meno “sfondante”…
    …grazie per esserci.
    Roberto

  9. Ma fu una delle più belle avventure… come tornerei a leggere il vangelo pezzettino pezzettino con una banda di matti!!!!
    Fulvio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Cloud dei tag

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: