Just another WordPress.com site

Archivio per agosto, 2008

Vi segnalo un bel racconto di una mia cara amica

Beh a chi piace leggere racconti, merita, un brava a Francesca:

clikka qui per leggere il racconto "Via Vittorio"

da emozione

leggere articoli come questi: IL POTERE dell’imparare:

clikka qui

Rientrato alla base

Finite le vacanze al mare si sta per riprendere la vita di parrocchia: domani funerale …

alle

bella foto di gruppo a conclusione del cantiere a Barbiana

y1pMM5_aJq1Zs0aQeHhi0nAsluCENMC-W5APVHQVX9MTM1H-zMCtySh-HY7l_vnLYhI

Barbiana 8-13 agosto 2008

Immagine 017

9 AGOSTO

compleanno

si parte per il secondo cantiere R/S a Barbiana

Buona strada! alla scuola di Barbiana!

15072007215

Articolo apparso su Metropoli – Cronaca di San Casciano

Ecco che potete vedere la giovin pulzella festeggiata il mese scorso!:

SKMBT_C25008080407320

MEME POETICO

Come richiestomi da Tittidiruolo nel suo POST  eccomi a rispondere con i poeti che più amo e una loro poesia, al fine abusivamente mi ci sono infilato pur io con un componimento scritto per l’occasione:

1 – Giuseppe Ungaretti
 
SENZA PIU’ PESO
da IL SENTIMENTO DEL TEMPO – da L’AMORE
 
Per un Iddio che rida come un bimbo,
Tanti gridi di passeri,
Tante danze nei rami,
 
Un’anima si fa senza più peso,
I prati hanno una tale tenerezza,
Tale pudore negli occhi rivive,
 
Le mani come foglie
S’incantano nell’aria…
 
Chi teme più, chi giudica?
 
1934
 
2 –  Eugenio Montale
 
Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale
(Eugenio Montale, Satura, Xenia II)
 
Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale
e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino.
Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio.
Il mio dura tuttora, né più mi occorrono
le coincidenze, le prenotazioni,
le trappole, gli scorni di chi crede
che la realtà sia quella che si vede.
 
Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio
non già perchè con quattr’occhi forse si vede di più.
Con te le ho scese perchè sapevo che di noi due
le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate,
erano le tue.
 
3 – Salvatore Quasimodo
 
Ed è subito sera
[da Acque e terre (1930)]
 
Ognuno sta solo sul cuor della terra
trafitto da un raggio di sole:
ed è subito sera.
 
4 – Jacques Prévert
 
I ragazzi che si amano
 
I ragazzi che si amano si baciano in piedi
Contro le porte della notte
E i passanti che passano li segnano a dito
Ma i ragazzi che si amano
Non ci sono per nessuno
Ed è la loro ombra soltanto
Che trema nella notte
Stimolando la rabbia dei passanti
La loro rabbia il loro disprezzo le risa la loro invidia
I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno
Essi sono altrove molto più lontano della notte
Molto più in alto del giorno
Nell’abbagliante splendore del loro primo amore
 
5 – Giovanni Pascoli
Myricae – Elegie – La Felicità
 
LA FELICITÀ
 
Quando, all’alba, dall’ombra s’affaccia,
discende le lucide scale
e vanisce; ecco dietro la traccia
d’un fievole sibilo d’ale,
 
io la inseguo per monti, per piani,
nel mare, nel cielo: già in cuore
io la vedo, già tendo le mani,
già tengo la gloria e l’amore.
 
Ahi! ma solo al tramonto m’appare,
su l’orlo dell’ombra lontano,
e mi sembra in silenzio accennare
lontano, lontano, lontano.
 
La via fatta, il trascorso dolore,
m’accenna col tacito dito:
improvvisa, con lieve stridore,
discende al silenzio infinito.  
 
6 – Alda Merini
 
Le più belle poesie
 
Le più belle poesie
si scrivono sopra le pietre
coi ginocchi piagati
e le menti aguzzate dal mistero.
Le più belle poesie si scrivono
davanti a un altare vuoto,
accerchiati da agenti
della divina follia.
Cosi, pazzo criminale qual sei
tu detti versi all’umanità,
i versi della riscossa
e le bibliche profezie
e sei fratello a Giona.
Ma nella Terra Promessa
dove germinano i pomi d’oro
e l’albero della conoscenza
Dio non è mai disceso
né ti ha mai maledetto.
Ma tu si, maledici
ora per ora il tuo canto
perché sei sceso nel limbo,
dove aspiri l’ assenzio
di una sopravvivenza negata.
 
7 – Fulvio Capitani
 
La Poesia
 
Sibilo o sussurro
O semplice voce
Oggi m’incanta
 
Battito o tonfo
Del cuore
Serro nel petto
 
Guizzo  o pensiero
Perso nella mente
 
 
 

 

Cloud dei tag